Pensieri luminosi

Carlo Bonato e il laboratorio Fusina

La città di Marostica si appresta ad ospitare la mostra antologica dedicata alla figura di Carlo Bonato e al laboratorio Fusina: una vita dedicata alla lavorazione creativa del plexiglass.

Carlo Bonato (Marostica 1930 – Nove 2016) si formò lavorativamente in alcune officine di tornitura meccanica a Marostica. Nel 1970, assieme alla moglie Maddalena Comacchio, avviò sottocasa il laboratorio Fusina con un’iniziale produzione di oggettistica in metallo e plastica. La fondamentale collaborazione con Alessio Tasca in qualità di designer per i primi anni di vita dell’azienda e la “scoperta” del plexiglas, diedero al laboratorio un’identità propria. L’innovazione dovuta all’utilizzo del polimetilmetacrilato, materiale pressochè sconosciuto all’epoca e lavorato in maniera certosina grazie alle capacità tecnico-creative di Carlo Bonato, portarono l’azienda a distinguersi in pochi anni nel mercato internazionale. Numerosi i riconoscimenti e i premi, tra cui la medaglia d’oro alla Triennale del 1973, hanno accompagnato il suo lavoro per tutta la vita. L’azienda Fusina continua oggi grazie all’attività dei figli Giorgio e Luca, rispettivamente con Hangar Fusina e Fusina Lab.

Carlo Bonato ritratto

Il progetto espositivo ospitato nelle sale del Castello Inferiore focalizzerà la figura di Carlo Bonato e del laboratorio Fusina a cominciare dalla pratica nell’ambito metalmeccanico, passando per il fiorente contesto creativo nella fascia pedemontana vicentina dell’epoca fino alla lungimirante scommessa su un materiale inedito. L’apporto tecnico, essenziale per la realizzazione di sculture inimitabili e totalmente nuove per l’epoca, ne fanno un esempio raro di imprenditorialità creativa. Oltre che per finalità scultoree e quale complemento d’arredo, i suoi oggetti sono stati spesso utilizzati anche in note pellicole cinematografiche, in contesti di restauro d’alto livello e per promuovere l’eccellenza del territorio nel mondo.

A distanza di due anni dalla scomparsa di Carlo Bonato, la famiglia ha deciso di condividere il percorso imprenditoriale, umano e creativo con un’esposizione affascinante e rigorosa, in cui l’ingegno e l’abilità artigiana saranno i protagonisti.

La mostra, a cura del gruppo di lavoro Lampi Creativi, reca il patrocinio della città di Marostica e sarà affiancata da un catalogo con foto inedite dell’arch. Luciano Svegliado, autore anche della grafica. La mostra si pone in continuità con le esposizioni natalizie dedicate ad altri cittadini marosticensi noti per il loro contributo al mondo artistico come quella del prof. Luigi Carron e del prof. Angelo Spagnolo.

Pensieri luminosi – Carlo Bonato e il laboratorio Fusina

Sale espositive del Castello inferiore
Piazza Castello –  Marostica (VI)

16 dicembre 2018 – 6 gennaio 2019

Inaugurazione sabato 15 dicembre 2018, ore 17

Apertura: da martedì a domenica, ore 10 – 12 e 15 – 18

Progetto espositivo a cura di Lampi Creativi

Testi: Sergio Bigolin, famiglia Bonato, Luciano Bolzoni, Alberto Carrain, Robert and Nancy Frehling, Marco Maria Polloniato, Antonio Riello, Fernando Rigon, Tobia Scarpa, Cristiano Seganfreddo, Luciano Svegliado, Alessio Tasca, Cristiano Urban

Fotografie: Luciano Svegliado

Fotografie storiche: Giovanna Dal Magro, Giuliano Francesconi, Ugo Mulas, Francesco Pinton, Luciano Svegliado, Bassiano Zonta; tutte le altre immagini provengono dall’archivio della famiglia Bonato

Allestimento: Giorgio e Luca Bonato

Layout & graphic design: Luciano Svegliado

Traduzioni: Claudia Pelliccione

Stampa: Grafiche Antiga, Cornuda (TV)

Con il supporto di Hangar Fusina e FusinaLab

Per leggere la biografia di Carlo Bonato clicca qui

Per vedere la locandina della mostra clicca qui

Ti potrebbero interessare anche questi articoli

fondamenta nuove
Angelo Spagnolo
Angelo Spagnolo
Ponte di Bassano del Grappa
extra murum